Ventitreesima settimana di gravidanza

Dimensioni del bambino nella settima settimana 27 Centimetri (480 grammi)
Sintomi nella settima settimana Aerofagia, problemi intestinali e fastidi alla digestione possono insorgere e durare fino al termine della gravidanza.
Suggerimenti per la settima settimana Iniziate a ragionare sugli acquisti da effettuare, dai pannolini (meglio acquistarli in stock in anticipo che quotidianamente nei supermercati) a lettini e altri oggetti necessari.

Alla 23° settimana di gestazione avrete raggiunto il termine del secondo trimestre e starete godendo di tutto il relax che questi ultimi tre mesi vi hanno fornito, avendo lasciato alle spalle nel primo trimestre le fastidiose nausee mattutine. Il vostro peso aumenta e l’addome ha iniziato a prendere la forma a barilotto che vi accompagnerà fino al parto. Il bambino per suo conto sta acquistando massa e a questo punto ha raggiunto circa 480 grammi di peso. L’ecografia mensile che vi sta prescrivendo il vostro ginecologo vi aiuterà a tenere sotto misura lo sviluppo del bambino e a tenere sotto controllo il peso della mamma e il suo stato di salute generale.

Lo sviluppo del bambino

Il bambino sta crescendo con un ritmo costante e raggiunge un peso che non giustifica in sé l’aumento complessivo di peso della mamma. In realtà, va detto che il peso della mamma aumenta non solo per il bambino che cresce, ma anche per il peso della placenta, dei seni, dell’utero e di altre parti del corpo necessarie alla crescita del bambino. Già da questo punto in poi, il bambino presenta i lineamenti del viso tipici di un essere umano, così come la sua forma è molto prossima a quella di un neonato. Va detto che ogni gravidanza ha tempi e misure a sé, quindi alcuni bambini in questa fase possono arrivare a pesare anche 50 grammi in meno o in più, così come la lunghezza è variabile. I dati sovra indicati si intendono dati di media.

[wpsgallery]

In questa fase il bambino sta iniziando a mettere su lo strato adiposo per la termoregolazione del corpo, anche se il corpo è ancora poco “rotondo” e poco “paffuto”, presentando ancora rughe e una pelle spessa.  Da qualche settimana già, il bambino inizia a muoversi scalciando e dando pugni alle pareti dell’utero. Potrebbe inoltre avere iniziato a succhiarsi le mani (non necessariamente il pollice). L’udito è sviluppato e la sua alimentazione, oltre a quella proveniente dal cordone ombelicale, è fatta anche del liquido amniotico, che il bambino ingoia e che è ricco di sostanze nutrienti, come gli zuccheri. Proprio in questa fase, per digerire gli zuccheri, il pancreas del bambino inizia a produrre l’insulina. I polmoni sono sviluppati e pronti ai primi respiri.

Cambiamenti nel fisico della mamma

L’utero in questa fase della gravidanza supera l’ombelico di 4 centimetri (si trova quindi a 4 centimetri sopra di esso). Eventuali fastidi alla digestione potrebbero provenire proprio da questa spinta, considerando che molti organi interni al corpo della mamma si spostano durante la gravidanza. Tutti i sintomi del primo trimestre di gravidanza sono scomparsi nella maggior parte delle donne (nausee, perdite di sangue, malesseri mattutini, sonnolenza, fastidi nella digestione ecc…).

L’aumento dell’apporto sanguigno nel basso ventre produce la necessità di urinare spesso. Questo aumento della pressione sanguigna può dare vita a emorroidi o perdite vaginali, che potrebbero preoccupare la donna come indice di problemi nella gravidanza, mentre in realtà sono dovute ad un’eccessiva pressione sanguigna. In alcuni rari casi potrebbe verificarsi il sanguinamento delle gengive.

Alcune donne potrebbero percepire le contrazioni di Braxton Hicks.

Come comportarsi

Importante sarà mantenere uno stile di vita salutare e mantenere un’alimentazione sana e bilanciata. Il vostro corpo continuerà ad espandersi e vedrete grandi modifiche nel vostro aspetto fisico. L’importante sarà ricordare che tornerete esattamente come prima al termine della gravidanza. Leggeri allenamenti fisici, da passeggiate a leggere sessioni di ginnastica aerobica vi aiuteranno nella circolazione sanguigna e a farvi sentire in pieno controllo del vostro corpo.

Mantenete una buona pulizia ed igiene dentale e fisica per evitare infezioni e non tralasciate eventuali sintomi strani, da riferire immediatamente al proprio ginecologo o medico curante. Dormite quanto il corpo vi richiede, senza vergogna e soprattutto, godetevi questo periodo splendido della vostra vita.

Consigliati i corsi pre-parto che potrete svolgere nei vari consultori della vostra zona. Questi corsi sono utili sia per capire cosa sta succedendo al vostro corpo, sia per poter entrare in relazione con altre future mamme e condividere dubbi, pensieri e domande.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Current month ye@r day *