Stipsi e stitichezza in gravidanza

La gravidanza comporta, nel corpo femminile, molte modificazioni, alcune visibili (la crescita della pancia è il primo segno)ed altre invisibili e che compaiono lentamente settimana dopo settimana. Oltre ai cambiamenti normali e che non destano preoccupazione, si possono verificare anche spiacevoli inconvenienti, oltre a quello dell’insorgenza o della recrudescenza delle emorroidi.

Si fa riferimento ad un “effetto collaterale” non visibile agli estranei, ma che può creare difficoltà nel corso della gravidanza; si tratta della stitichezza o stipsi, che ancor di più se già presente nella donna ancor prima di restare incinta, può senz’altro provocare grossi problemi.

Infatti, bisogna considerare l’azione degli ormoni che possono peggiorare questa condizione rendendo l’evacuazione fecale molto difficile. Questo è dovuto alla presenza del progesterone che, riducendo la motilità intestinale provoca il ristagno delle feci nell’intestino.

Poi, con il passare dei mesi, con l’aumento del volume dell’utero, il problema diventa ancora più importante, aggravandosi con l’avvicinarsi della data del parto.

Rimedi contro la stitichezza

Sappiamo che in questo periodo, seppur piacevole e pieno di aspettative positive, avrete l’obbligo di attenervi ai doveri di future mamme, per voi stesse e per il bambino che verrà, ed allora dovremo rispettare la regola che non si possono assumere quei farmaci che in altri momenti si era abituate a prendere per lenire i nostri fastidi fisici.

Quindi, un valido aiuto può venire dall’elemento più semplice e naturale che ci sia, l’acqua. Se ci abituiamo a bere un litro e mezzo o anche due, al giorno, questo potrà aiutare il vostro intestino a funzionare meglio in quanto l’acqua renderà le feci più morbide e più facilmente eliminabili.

Il consumo di frutta e verdura, pomodori, lattuga, cetrioli e zucchine, sono per 90% costituiti da acqua, quindi utilissimi nella lotta alla stipsi, e poi le fibre, legumi e cereali integrali.

L’attività fisica è un’altra arma importante contro il ristagno delle feci nell’intestino; camminare all’aria aperta tutti i giorni, oltre alla stipsi previene la formazione di varici e gonfiore degli arti inferiori.